Discussione:
Librandi: Cari pensionati ricchi, rinunciate al rimborso della rivalutazione
(troppo vecchio per rispondere)
u***@gmail.com
2015-05-06 13:34:21 UTC
Permalink
Raw Message
Articolo di Gianfranco Librandi pubblicato il 5 maggio 2015 sul sito di informazione Stradeonline.it

Il blocco della rivalutazione degli assegni previdenziali sopra tre volte il minimo per gli anni 2012 e il 2013 - decisione assunta nel 2011 dal governo Monti con il voto favorevole di centrodestra e centrosinistra - fu dettato da una profonda necessità del Paese: mettere in salvo i conti dello Stato, assicurare il pagamento di tutte le pensioni (soprattutto di quelle dei meno abbienti) e restituire un futuro ai giovani italiani.

monsurr4 - Copia

Chissà se la Corte Costituzionale, nell'eccepire un difetto di motivazione per quella scelta, ha riflettuto sul fatto che quel decreto-legge è passato alla storia con il nome di "Salva Italia". O se ha analizzato la curva degli spread. Ma tant'è.

Quella necessità di equità tra le generazioni è ancora profondamente attuale e nessuno - a mio parere - può sostenere che non si tratti di un principio fondante della costituzione formale e sostanziale del Paese. Per questo, sono certo che molti cittadini aventi diritto a quel rimborso pensano che sia sbagliato, soprattutto in questa fase storica, scaricare un costo ulteriore sul futuro e su chi lo vivrà. Anche perché, detto con franchezza, quei rimborsi finiranno per aumentare ancora di più la differenza tra i contributi effettivamente versati e gli assegni goduti.

Quel rimborso è un diritto, ma non un obbligo. Lancio una proposta: costituiamo un comitato "Non vogliamo il rimborso", cui possano iscriversi e partecipare quanti credono che un'Italia migliore si costruisce anche a partire dalla rinuncia di questi "diritti acquisiti". Il comitato sarebbe la testimonianza più esplicita che c'è un'Italia che ha ormai cambiato profondamente mentalità, scegliendo le leve della responsabilità e dell'equità.

FONTE: http://www.gianfrancolibrandi.it/librandi-cari-pensionati-ricchi-rinunciate-al-rimborso-della-rivalutazione/
pirex
2015-05-08 20:22:55 UTC
Permalink
Raw Message
Post by u***@gmail.com
costituiamo un comitato "Non vogliamo il rimborso", cui possano iscriversi e
partecipare quanti credono che un'Italia migliore si costruisce anche a
partire dalla rinuncia di questi "diritti acquisiti". Il comitato sarebbe la
testimonianza più esplicita che c'è un'Italia che ha ormai cambiato
profondamente mentalità, scegliendo le leve della responsabilità e
dell'equità.
Giusto, Bene, Bravo!
Se mi permetti un suggerimento
proporrei di creare un sito internet denominato
"Non vogliamo il rimborso"
dove tutti i sostenitori si presentino con :
- Documento valido con foto.
- Certificato di Pensione/i con importi ben chiari certificati Inps.
- Ultima dichiarazione dei redditi.
--
Renzi: "Quattro teppistelli figli di papà non riusciranno a rovinare
Expo"
Ma un solo teppistello, figlio di papà,
è riuscito a rendere precari tutti i lavoratori
e sta devastando la Costituzione.
Loading...